lunedì 18 dicembre 2017

Star wars: The Last Jedi,2017, dir. R. Johnson


C'è un momento topico, verso la fine del film, che riassume ampiamente il peso che personalmente sono disposta a concedere a questa "nuova era" del franchising ed è nello specifico (SPOILER) quando al momento del vero confronto tra Ben Solo e Skywalker, con quest'ultimo sotto il fuoco incrociato della grande ammiraglia che avrebe incenerito la qualunque, riemerge da fumo ed esplosioni, esattamente nello stesso punto, e con una mano si scrolla la polvere dalla spalla, con una espressione i cui sottotitoli immaginari erano:
"È tutto qui quello che sei capace di fare?" 

Per me è stata la scena più emozionante dell'intero film. Anzi, di entrabi i nuovi episodi VII e VIII messi insieme. Di cui mi è rimasto il minimo indispensabile.
Ricordo benissimo anche i momenti più insignificanti dela trilogia originale, ma a malapena ricordo come inizia o finisca la trilogia del prequel o questa dei sequel. 
È il gap che ovviamente il nuovo, seppur confezionato in maniera discreta, non riuscirà mai a colmare.
Non ho dubbi che si sfiorerà in qualche modo la perfezione, in questa nuova era. Ma lo spirito e l'emozione (non so se il nostro di spettatori o il loro di produttori) purtroppo non saranno minimamente comparabili.
Tutto questo sarà qualcosa....ma sarà altro.

Un granello di polvere che verrà scrollato via.

ps: giusto per essere chiari, i Porg sono di un' inutilità inenarrabile. Mentre le Volpi di Ghiaccio sono la perfezione senza se e senza ma.

venerdì 15 dicembre 2017



"Oh once in your life you find someone
who will turn your world around 
Bring you up when you're feelin' down"

Heaven, Bryan Adams,
  Get Up Tours,  Torino

Non posso dire di avere una cultura musicale sopraffina...normalmente almeno il 70% della musica che ascolto ha a che fare con le colonne sonore dei film. Il restante 30% se lo giocano De Gregori, Baglioni e la musica anni '80.

Quella sera ero tra il pubblico. 
E niente, mentre cantavo in mezzo alla marea di persone, anche se lui (quasi 60 enne e con la giacca elegante) era una versione 2.0 del rocker per cui avevo una cotta a fine anni 80, sono tornata ad avere 15 anni per 3 ore e  ho scartato un regalo che per raggiungermi ci ha impiegato più di 20 anni.



lunedì 20 novembre 2017


Before Midnight, 2013, R. Linklater

A volte penso che Linklater sia semplicemente avanti. Scene come questa ne sono la conferma.


venerdì 17 novembre 2017

" Sei un mostro."
"Diciamo che dò da mangiare ai mostri "

The Place, 2017, dir. P. Genovese


lunedì 6 novembre 2017

Blade Runner Blues, Vangelin

"Ci vorrebbe un tasto svuota destino"
 (cit. Fluxia)

Finalmente piove.
Vorrei scivolare via come l 'acqua e sfuggire al mio, di destino.
Mi ritrovo, ogni volta, al punto di partenza.
E sono stanca.

domenica 1 ottobre 2017

Lecce, anni 80'
.
Ho ricordi lontani di me bambina,avrò avuto non più di 5 o 6 anni, in passeggiate in questa piazza,soprattutto verso le feste o in quei giorni in cui era il momento di rifare il guardaroba. Proprio alle spalle della piazza, in una strada parallela, ai tempi c 'era un negozio di scarpe per bambine, Primigi, dove ho passato interminabili sedute di prova.Da lì, sospetto, la mia idiosincrasia per le scarpe.
Mi ricordo decisamente l'insegna della Coca Cola e quella della Campari. 
E le macchine. Tante macchine,parcheggiate laddove ora ci sono fioriere di piante e panchine.

Lecce resta bellissima, tanto oggi in quanto sobria, tantissimo ieri in uno splendore di luci che la facevano sembrare Time Square.

venerdì 15 settembre 2017


La mia Africa,1985, dir. S. Pollack

Quando capisci profondamente lei, ma ti senti inconfutabilmente lui.
Questa cosa (capacità?!?) per la quale provo sempre contemporaneamente due sensazioni diverse insieme,per qualsiasi cosa, mi ha sempre logorato la vita.

lunedì 11 settembre 2017

Il colore nascosto delle cose, 2017, dir. S. Soldini 

In questi giorni ho ricevuto notizie che cambieranno radicalmente la mia vita.
Sto cercando di non fermarmi alle apparenze e di andare oltre. So cosa mi aspetta teoricamente, ma la pratica è sempre un' altra cosa. E mi sento un po' come una cieca che deve imparare a muoversi, pur vedendoci bene.

Nel mentre che cerco di adattarmi,  mi lascio andare alla fantasia. 
Devo dire che Adriano Giannini è perfetto e riempie lo schermo come nient'altro al mondo.

lunedì 28 agosto 2017


"Qualcuno che fabbricava corde intrecciate, mi disse una volta :le corde rappresentano lo scorrere stesso del tempo.  Si torcono, s'intrecciano, a volte si sciolgono, si rompono e poi si connettono di nuovo. Questo è il tempo. "

Your Name,2016, dir. Ma.  Shinkai 

cercavo di spiegare al Lovefriend che cosa intendessi per "essere in una sorta di connessione e complicità con qualcuno" ...ragionevolmente, si diceva che è una cosa che viene approfondita nel tempo, con la quotidianità.  Ma io non intendevo quello.
Intendevo quel riconoscimento, quella sensazione che a volte,esiste anche prescindere, indifferentemente da quanto tempo conosci l 'altro.
Quella cosa che cerco.
Quella cosa che non trovo.
Quella cosa che probabilmente non troverò più. 

E poi mi sono imbattuta in questo film....avrei dovuto vederlo quando è uscito, avevo organizzato con un amico, ma abbiamo sbagliato il giorno.
Abbiamo perso l 'attimo.
Perso il tempo giusto.

Il trailer può ingannare, ma la parte centrale della storia è la cosa più bella e originale che mi sia capitato di vedere negli ultimi mesi.

domenica 20 agosto 2017



Col du Mont Cenis, Punta Clairy e lago  versante francese , 1870 Mt

avrei voluto essere qui l 'anno scorso,al momento in cui la diga è stata svuotata per la manutenzione.  Accade ogni 10 anni e quando accade, un mondo sommerso  di strade e costruzioni ottocentesche riaffiora come memoria di un tempo lontanissimo. 
Io ovviamente ho pensato di anticipare un po ' i tempi ,approfittando della disponibilità di un caro amico.
Ma spero di essere qui nel 2025 e riuscire a godermi un'altra piccola magia.

martedì 15 agosto 2017


"Io ti ho aspettata all'ombra dei tuoi 'per come',
col mio viso angelico percosso dai fatti ".
F. De Gregori, Chissà Dove Sei

Quando viaggio per molte ore, ogni tanto mi chiedo.
Poi smetto.

# Lecce - Torino solo andata
Tutto vola via 
gli amori se ne volano
e gli amici e il lavoro
la casa vola via 
i pettirossi già da tempo 
e da poco ha imparato anche la città 
il camino
i parchi
i nonni
li vedo volare via

ogni cosa ha il suo volo 
e vola via 
e non durano molto a terra 
le cose preziose non durano molto
prima o poi prendono il volo 
e io mi chiedo 
se affezionarsi così tanto ne vale 
davvero la pena

e  volano le cose
in ricordi volano via 
le ambizioni e i coraggi
volano
e pure il sogni migliori volano via 
e portano con sé le paure 
i rimpianti 
i rischi presi
e i rischi più forti di noi
quelli che non prendemmo mai
vola il seno
il senno
il se no 
il se


e tutto vola via 
mai io non so volare 
e me ne sto qui a terra 


che se ti va
dico se ti va
di stare un poco con me 
possiamo benissimo 
farcela a piedi 
che tanto poi il volo vien da sé. 

Gio Evan

In questi giorni, ho pensato molto a questa cosa tutta complessa di ambizioni, coraggi, rischi più forti che non vengono presi e poi.
E poi tutto che vola via e basta.  

Non parlo di rimpianti. 
Penso sempre che non devo lasciarmi condizionare dai "poteva essere":se doveva essere, sarebbe stato al di là di tutto. 

Parlo di esatte mancanze che nella mia vita non riesco a colmare in nessun modo,qualunque cosa faccio o farò, e che inevitabilmente mi portano su terreni minati e instabili. Situazioni fugaci, che lasciano il tempo che trovano. E, soprattutto, lasciano me abbastanza perplessa e dubbiosa in un modo di cui farei volentieri a meno.

Come leggevo da qualche parte, "si va in giro per picole storie, incerte mete, intimità provvisorie" (F. Arminio).
Quando io invece penso sempre di aver bisogno di cose certe e di un tempo che perduri, anche per vedere dove posso arrivare, chi posso diventare o chi sono diventata senza rendermene conto, sempre per quella storia che la percezione che ho di me stessa é ben lontana da quella  che hanno gli altri.

Mi sto abituando ad essere sola e a star da sola; e non lo considero un male, per la vita che mi é toccata in sorte.
Ma che ché se ne dica in giro, spesso e volentieri non è la cosa migliore che capita ad un essere umano.
Anzi.